C’è chi dice NOAH: jobby vola al Launchpad di Berlino

Il lavoro quando ti serve

C-è-chi-dice-NOAH-jobby-vola-al-launchpad-di-berlino

Il 13 e 14 giugno, nella capitale tedesca, si terrà la decima edizione del NOAH e jobby è l’unica startup italiana invitata a partecipare.

Riunire i futuri dirigenti e gli investitori attivi in ​​tutti i segmenti guidati dalla rivoluzione digitale: è questo l’obiettivo del NOAH, la conferenza che riunisce i protagonisti della Digital Revolution per discutere di partnership, investimenti o ampliare la propria rete.

Arrivato ormai alla decima edizione, l’evento conta 5 palchi e oltre 400 relatori pronti a svelare la loro visione per il futuro su 10 temi verticali, tra cui Mobility & Travel of the Future, Digital Health, Industrial Digitalisation, Fintech&Insurtech, Cognitive Computing, B2B Software & Services e non solo.

Per le startup, poi, la vera occasione è rappresentata dal Launchpad, un trampolino di lancio per 100 realtà selezionate personalmente dagli organizzatori, alle quali si pone la sfida di raccontare il proprio progetto innovativo in un “elevator pitch” di appena 6 minuti.

Unica italiana ad essere scelta, jobby è stata invitata a partecipare nel segmento B2B Software & Services e Andrea Goggi, CEO & Founder, è pronto a volare a Berlino insieme a Lorenza, la nostra Operations Specialist, che ha vinto la lottery interna tra i membri del team.

Partecipare democraticamente alle decisioni interne nonché agli eventi, infatti, è uno dei valori chiave della nostra startup, che vuole promuovere all’interno e all’esterno del proprio microcosmo un nuovo modo di lavorare, più flessibile, trasparente e cooperativo.

“Da oltre un anno mi occupo delle Operations e vivo la realtà di jobby da vicino, anzi vicinissimo. Volare a Berlino e poter raccontare chi siamo ad altri innovatori e investitori mi riempie di entusiasmo. È un progetto in cui tutto il team crede fortemente e spero che il confronto con altre realtà internazionali possa darci nuova linfa per crescere e migliorare ancora.”

Lorenza Leggio – Operations Specialist

Che altro aggiungere, se non che ci vediamo a Berlino!