Scopri come Andrea è passato da worker jobby a summer intern nel team.

Il lavoro quando ti serve

scopri-come-andrea-è-passato-da-worker-jobby-a-summer-intern-nel-team

Andrea ha 19 anni, un sorriso gentile e una maturità davvero rara per la sua età.
Il suo primo incontro con jobby risale al quarto anno di liceo e da allora l’amore per la nostra app non gli è mai passato.

Come hai scoperto jobby?

Facevo il quarto anno di liceo, ero appena diventato maggiorenne e desideravo guadagnare un po’ per fare quello che facevano i miei amici e pesare meno sulla mia famiglia.

Ho scoperto jobby quasi per caso e ho pensato di iscrivermi subito per scoprire quali possibilità reali offriva. Un’app che permetteva di scegliere a quali job candidarsi in base alle proprie passioni e guadagnare in fretta, senza aspettare lo stipendio di fine mese? Sembrava troppo bella per essere vera! Candidarmi al primo job è stato semplice e, man mano che accumulavo recensioni positive, i job mi venivano assegnati sempre più spesso.

Cosa ti piace di jobby?

jobby è meritocratica e ti dà la possibilità di provare diversi tipi di lavoro e capire qual è quello giusto per te. Ho fatto il cameriere, il promoter e ho utilizzato la mia passione per le lingue per accogliere i turisti appena arrivati in città e mostrargli i loro appartamenti, candidandomi ai “check-in” proposti da Yougenio.
Mi è servito a capire cosa amavo e cosa invece non mi sarebbe piaciuto rifare in futuro.
Mi ha dato la possibilità di sperimentare e conoscermi meglio.

La tua esperienza con jobby sta continuando all’interno del team…

Sì, lavorando spesso su jobby e collezionando recensioni positive mi sono fatto notare e quando mi sono candidato come “summer intern” per aiutare il team nei mesi estivi sono stato scelto. Ora sono passato al lato opposto dell’app e aiuto ogni giorno a mantenerla viva, curando la relazione tra clienti business e worker.
È divertente conoscere le persone che lavorano nel “dietro le quinte”, ma soprattutto utile. Mi serve a capire come funziona davvero una startup, quali sono le sfide che s’incontrano lavorando nella Gig-Economy, quali le prospettive e le possibilità future.

Perché consiglieresti jobby?

jobby mi ha aiutato nei momenti più difficili in cui avevo bisogno di lavorare e lo ha fatto in un modo veramente semplice e veloce, creando un modo di lavorare in cui conta di più la voglia di fare del curriculum

Anche tu come Andrea vuoi entrare a far parte della Community di workers jobby? ⚡️