We are workers, la storia di Cristian

35 anni e un lavoro come consulente informatico freelance a Milano, Cristian ha 3 grandi passioni: la tecnologia, il running e le mele. jobby, ci racconta, è perfetta per metterti in gioco con quello che hai da offrire, scoprendo nuovi modi di emergere in una realtà competitiva.


Presentati usando la tua descrizione su jobby:
Sono un nativo digitale ma, in realtà, mi sento più un immigrato digitale. Infatti, ho iniziato ad appassionarmi alla tecnologia utilizzando un computer senza un sistema operativo a finestre.

Dopo aver terminato gli studi sono diventato con orgoglio un informatico freelance e per molti anni mi sono occupato principalmente di assistenza hardware e software per clienti con PC Windows. Oggi, sono anche un consulente Apple certificato, un docente per Èspero, noto Apple Authorized Training Center di Milano, nonché un community manager presso Ecoworking Milano.

Informatico di formazione, ho imparato abbastanza presto che i termini “tecnologia” e “digitale”, se pronunciati al di fuori degli ambienti consoni, possono generare angoscia, paura e frustrazione. Perciò ogni giorno, nel mio lavoro, cerco sempre di consigliare e applicare le migliori soluzioni possibili, di portare entusiasmo, di intensificare la creatività, di scatenare le passioni e di completare il pensiero delle persone, unendo sempre alle mie competenze tecniche il confronto e la precisione di un interlocutore umano, che non si pone rispetto a esse su un piedistallo, bensì sul loro stesso piano, come uno di loro, di volta in volta accompagnandole e rassicurandole, a seconda dei casi.

I miei clienti apprezzano la mia capacità di presentazione, in grado di migliorare la loro esperienza d’uso e usabilità di prodotti e servizi tecnologici, la cura dei dettagli, la capacità di ascolto e l’abilità di creare empatia nei rapporti umani. 

Vivo con Veronica, educatrice cinofila e i nostri 3 cani: Mia, Mati e Diana. Ascolto sempre gli 80’s, adoro Monet e la grafica vettoriale. Sono un runner convinto. Preferisco sempre l’autostrada delle spiegazioni e dell’ascolto al sentiero impervio della passività.

Come hai scoperto jobby e di cosa ti occupavi prima?
Nel mio lavoro è importante essere e rimanere dinamici, perciò jobby è stata una piacevole scoperta in un momento in cui cercavo un nuovo sistema per mettere a disposizione delle persone parte del mio tempo e del mio talento. Il suo nome è venuto fuori da alcune ricerche nell’app store di iOS e mi è sembrata subito un’opportunità da sfruttare per continuare a sperimentare nuovi modi di lavorare a contatto con le persone. jobby non ha sostituito la mia attività principale, piuttosto si è rivelata un’integrazione di qualità in una vita frenetica e pieni di impegni.

Quali lavori hai svolto su jobby?
Ho iniziato a lavorare su jobby a ottobre 2019 come esperto digital&tech, occupandomi di installazioni e configurazioni di sistemi operativi, software, applicazioni, nuovo hardware, nonché formazione e consulenza informatica per tutte quelle attività che, di solito, creano difficoltà.

Ricordi un momento in cui, durante o dopo un job, ti sei sentita davvero soddisfatta?
Sì, il primo. L’aver visto il cliente sorridere dopo la titubanza iniziale si è rivelato un momento di grande soddisfazione. 

Cosa ti piace di jobby?
L’immediatezza e la semplicità: jobby non richiede alcun investimento iniziale o continuativo per progredire, anzi, è la piattaforma in sé che investe sulle tue skill. Ritengo si tratti di un’innovazione nel mondo del lavoro perché con pochi sforzi si ha la possibilità di mettere in contato diretto chi offre e chi cerca lavoro senza intermediari. 

Perché le persone dovrebbero provare a lavorare su jobby?

  1. Perché puoi metterti in gioco con quello che hai da offrire, subito, senza troppe regole.
  2. Perché puoi guadagnare moltissimo in poco tempo, e non parlo del lato economico, ma del lato umano: jobby è un investimento nelle persone, nel prossimo, perché ognuno di noi ha un valore.

3 parole per descrivere jobby:
Smart, easy, useful.

Usi i compensi che ricevi grazie a jobby per alimentare un sogno nel cassetto? Se sì, quale?
I compensi di jobby mi sono utili per reinvestire nel personal branding, ma più ogni altra cosa mi sono utili per conoscere e innovare ogni giorno. 

Vuoi aggiungere altro?
jobby può aiutarti a cambiare passo se hai bisogno di trovare nuovi stimoli in un realtà competitiva oppure se hai bisogno di ritrovare te stesso andando oltre i tuoi limiti. 


Anche tu vuoi condividere la tua storia?